Storia del Sovrano Ordine Gnostico Martinista 


"Sorgente eterna di tutto ciò che è, Tu che invii ai prevaricatori gli spiriti di errore e di tenebre che li separano dal Tuo amore, invia a colui che ti cerca uno spirito di verità che lo avvicini a Te per sempre. Che il fuoco di questo spirito consumi in me perfino le più piccole tracce del vecchio uomo e che dopo averlo consumato, faccia nascere da questo ammasso di ceneri un nuovo uomo sul quale la Tua mano sacra non disdegni di versare più l'unzione santa." Il Filosofo Incognito

La solenne data di nascita del Sovrano Ordine Gnostico Martinista è il 26 Ottobre 2015. Tale sacrale momento è frutto dell'armoniosa opera di 11 Superiori Incogniti Iniziatori, che si sono riconosciuti negli Ideali scolpiti nella Bolla di Fondazione. Tale accadimento ha rappresentato un momento di vera fratellanza, in quanto S:::I:::I:::, espressione di ogni filiazione della scuola martinista italica, hanno deciso di operara assieme in un reale momento di riaggregazionee consolidamento dell'eggregore martinista. Conferendo nel deposito del Nostro Venerabile Ordine la totalità dei depositi rituali e docetici del martinismo italiano. Se quanto sopra esposto minimalmente tratteggia l'emersione su questo piano del Sovrano Ordine Gnostico Martinista, di seguito sono indicate le tappe che hanno contatto i nostri fratelli, i nostri gruppi e le nostre logge a riconoscersi quale realtà iniziatica retta da un Ordine.

E' qui riportato un estratto dal discorso "Sullo Stato delle Cose" del Grande Maestro del Sovrano Ordine Gnostico Martinista, che affresca quella che è stata la genesi del Nostro Venerabile Ordine.

"Fratelli miei ricordo ancora quel 26 gennaio 2013, che mi vide giungere nel nebbioso ed umido Piemonte. Al termine di un lungo e solitario viaggio con ironia mi domandai:" Era Alessandria d’Egitto o Alessandria in Piemonte il luogo dove si riunivano gli gnostici ?!". Eppure quel giorno, ancora non lo sapevo, aveva inizio la storia del Convivium Gnostico Martinista.

Spinto unicamente dal desiderio di riabbracciare sorelle desiderose di riprendere il camino interrotto, e mosso dall’obbligo innanzi ai Venerati Maestri Passati di portare la luce a colui che sarebbe divenuto il nostro primo Associato, posi la prima pietra su cui poi è stato edificato, nei temi e nelle forme consone alla Tradizione, il Nostro Venerabile Ordine: il Sovrano Ordine Gnostico Martinista.

Da quel giorno gli eventi si sono succeduti con forza, imponendoci di gestire situazioni impreviste, e di crescere come iniziati e come pastori. Eventi, non sempre fausti che ci hanno obbligato ad operare delle scelte spesso dolorose. Carissimi fratelli lo spazio che oggi voi condividete e che vi permette di essere Associati, Iniziati, Superiori, ed Iniziatori inseriti in una nobile e vitale catena è frutto non solo di Giustizia, ma anche di Forza, così come ogni giorno viene ricordato durante l’esecuzione della croce cabalistica nel vostro rituale giornaliero dalle sephirot Ghedullah e Geburah (asse orizzontale).

Da tale momento, sicuramente sotto il benevolo sguardo di qualche Maestro Passato, non trascorreva tornata di loggia senza che un nuovo fratello venisse accolto. Questa costante linfa vitale determina, il 22 giugno 2013, la costituzione della Loggia Louis Claude de Saint-Martin ad Alessandria, retta dall’amata sorella Aspasia. Congiuntamente si vengono a sviluppare una serie di relazioni fraterne ed amichevoli con altre strutture martiniste, che senza niente chiederci e senza niente pretendere ci usarono l'onore della loro vicinanza spirituale. Ricordo ad esempio la data dell'11 agosto 2013, quando il Grande Maestro dell’Ordine Martinista degli Eletti Cohen, Aaron, con spirito fraterno, ci invita ad una tornata a Cairo Montenotte. Visita che è stata ricambiata alcuni mesi dopo, con la solenne partecipazione di alcuni S:::I:::I::: di tale rispettabile Ordine alla nostra Loggia in Alessandria. Successivamente, sempre nell’Agosto 2013, il mio caro Iniziatore mi contatta per chiedermi se potevo assumermi l’ONERE di alcuni fratelli della sua catena in Toscana. Con spirito di servizio ho accettato, ed essi hanno contribuito alla nascita, il 12 Gennaio 2014, della Loggia Abraxas, oggi Grande Montagna, del N:::V:::O.

Il 2014 vede il Convivium Gnostico Martinista fra i primi promotori della Conferenza di Padova "ATTUALITA' DEL MESSAGGIO MARTINISTA NELLA SOCIETA' CONTEMPORANEA", momento inizialmente aggregativo di alcune realtà martiniste italiane, che ha portato alla realizzazione di una Carta di Intenti del Martinismo Italiano, e successivamente alla nascita della Fratellanza Martinista Italiana. Grande per me è stata l’emozione di trovarmi all’oriente con il mio primo Iniziatore, ed assieme ad altri Grandi Maestri del martinismo italiano. Ricordo ancora in nostro enorme lavoro, provato da corrispondenza e da documenti con data certa, profuso nella realizzazione del Protocollo sul Martinismo Italiano e sulla Lettera di Intenti, così come la diplomazia necessaria per raccogliere attorno ad esso sette ordini martinisti: OMEIO, Ordine Martinista filiazione Aldebaran/Virgilius/Arturus, Ordine Martinista Mediterraneo, L'Unione Martinista, Antico Ordine Martinsita, Ordine Martinista Tradizionale filiazione Cannizzo, e il Convivium Gnostico Martinista. Al contempo ricordo con dolore il rapido sgretolamento di questa compagine (vuoi per fraintendimenti, vuoi inerzia programmatica, vuoi per motivi interni ai vari Ordini, vuoi per questioni estranee al nostro perimetro). L'enorme mole di documentazione in nostro possesso, attorno a quei concitati momenti, sospesi fra fraterna esaltazione e triste riflessione sulla condizione umana, ci permettono di guardare serenamente alle molteplici illazioni, e revisioni, spesso in atto. E' bene sottolineare che in tale occasione abbiamo provveduto a rafforzare la nostra filiazione sia con la legittima investitura, in testa alla mia persona, di alcune linee iniziatiche martiniste italiane ed europee, sia grazie alla realizzazione di un trattato di fraterna amicizia con l'Ordine Martinista Tradizionale filiazione Cannizzo, di cui fui inseguito  insignito del grado di Grande Maestro Aggiunto, rappresentato dalla persona del suo Grande Maestro ATON. L'aver esercitato il ruolo di promotori dell'iniziativa, e di segretari della FMI, ci ha concesso l'opportunità di intessere numerose relazioni che hanno condotto il NVO a quella centralità divulgativa e di indirizzo che è oggi inconfutabile per la sua evidenza.

Terminata la fase congressuale di Padova, il 27 Settembre nasce la Loggia Silentium in Pescara, retta dal nostro amatissimo fratello Iperion. E' stato sicuramente un piacere per me accoglierlo nella nostra nascente casa iniziatica, in quanto fu uno dei primi volti che intravidi in occasione del mio primo Congresso Martinista dell'Ordine Martinista Universale, che frequentai in qualità di associato a Roma.

Il 13 Febbraio 2015 viene emanata la bolla di fondazione della nostra quarta loggia (la Stanislas de Guita a Bari), espressione di una ricchezza di associazioni e di fecondità iniziatica nella terra di Puglia. Purtroppo, nel Maggio del 2015, verificata l'impossibilità di procedere ad una normalizzazione di alcuni rapporti, e l'impossibilità di attuare la parte sostanziale e programmatica del protocollo sottoscritto, e di cui siamo largamente gli estensori, con prova documentale a nostro favore, sono compiuti una serie di atti formali fra cui la rinuncia al seggio in segreteria della FMI, il congelamento dell'appartenenza ad essa, ed infine la definitiva uscita da tale struttura associativa. Uscita senza clamore, e con l'augurio di buon proseguimento per i nostri precedenti compagni di viaggio.

Se corvi e gufi inizialmente suggerivano che ciò avrebbe determinato un indebolimento della nostra posizione, la trasparenza delle motivazione, il sostegno dei Venerati Maestri Passati, e la nostra forte capacità comunicativa e divulgativa, ci hanno permesso di riportare nuovamente in posizione centrale al panorama martinistico italiano il Convivium Gnostico Martinista. Liberi da una serie di necessità e contingenze diplomatiche, la nostra azione ha ripreso vigore portando numerose associazioni, alla nascita di nuovi gruppi di fratelli e sorelle, e alla creazione di nuovi rapporti, che oggi sono spiritualmente e fisicamente presenti a questo nostro Congresso Nazionale. Ricordate fratelli miei, un albero muta la chioma al mutar della stagione, ma non per questo muore: anzi tale cambiamento è eterno simbolo di vitalità.

Nell'Agosto del 2015 viene pubblicato il libro "Martinismo e Via Martinista" testo, a detta di molti, innovativo per il martinismo italiano, in quanto ben lungi dall'essere una semplice collezione di date e di ruggini fra Grandi Maestri, ha voluto rappresentare un luogo dove riflettere attorno ad alcuni elementi che caratterizzano e danno identità all'Essere Martinisti. Al contempo esso rappresenta un tentativo di liberare il nostro perimetro docetico ed iniziatico da una serie di corbellerie, superstizioni e pruriti che sembrano purtroppo albergare nelle menti di tanti nostri fratelli. Riteniamo che l'azione martinsita non si esaurisca in un lavoro individuale, che per quanto importante e necessario, sarebbe inevitabilmente fine a se stesso qualora non sia rivolto anche alla preservazione della nostra tradizione, e nell'attiva testimonianza della stessa. Ecco perchè è proprio la divulgazione uno dei pilastri su cui si fonda il Tempio del Nostro Venerabile Ordine:

Primo Pilastro: la trasmissione dell'iniziazione martinsita

Secondo Pilastro: la difesa dei depositi martinisti, e la sua identità di Ordine Iniziatico Cristiano.

Terzo Pilastro: la corretta divulgazione

I quali esercitano la propria armonica possanza, e la rimozione di uno dei medesimi porterebbe a snaturare ed indebolire l'intera costruzione filosofica, rituale ed eggregorica.

Giungiamo infine al nostro Congresso Nazionale del 16-17 Ottobre 2015 che raccoglie il saluto e la presenza di molteplici strutture martiniste ed iniziatiche italiane. Vorrei qui solennemente ringraziare il fratello Nicolaus SII per i saluti dell’Ordine Martinista Universale, la sorella Michael SII per i saluti della dell'Unione  Martinista, il fratello Horus Aleph SII  presente per l’Ordine Martinista Spartacus, il fratello Aton SII presente per l’Ordine Esoterico Martinista, il fratello Gabriel SII presente per l’Ordine Martinista filiazione Aldebaran/Vergilius/Gabriel, il caro fratello Lecabel SII dell’Ordine Martinista Napolitano, i fratelli Nadir SII e Salamandra SII per l’Ordine Martinista Bereshit da oggi confederato con il NVO. Vorrei qui ringraziare i fratelli Aladiah SII, Ptahhotep SII e Gwenhiwar SII per la loro fattiva e fraterna opera nei confronti del Nostro Venerabile Ordine.

La giornata del 18 Ottobre 2015, una volta chiusi ritualmente i lavori, è stata dedicata ad una PUBBLICA CONFERENZA, frangente questo che sembra essere scordato da qualcuno dei partecipanti a tale evento, dal titolo TRADIZIONE E MONDO MODERNO. A tale evento hanno partecipato fratelli martinisti, liberi muratori e semplici curiosi. Fra i relatori voglio ricordare:  Filippo Goti "Introduzione", Fiammetta Iovine "Una tradizione non tradizionale: Massimiliano Palombara, Francesco Maria Santinelli e gli "Argonauti" tra Seicento e Settecento", Alessandro Orlandi "Tradizione e Iniziazione nel XXI secolo", Antonio D’Alonzo "Attualità del significato simbolico dell'alchimia per l'uomo contemporaneo in Jung", ed altri.

Osservando i partecipanti di quello che è stato il nostro primo Convento, essi idealmente, e realmente, rappresentano quella parte Sana e Tradizionale del martinismo italiano. Un martinismo che non si sfuma numericamente intruppandosi in cartelli, camuffandosi dietro sigle, o nascondendosi dietro le porte di qualche conventicola. Bensì ha il coraggio, e la forza, di misurarsi, di raccogliere i fratelli e le sorelle in un luogo fisico ed Operare al fine di far crescere la Catena di Amore e di Forza. Ognuno può ideare un nome, ognuno può fare il Grande Maestro di se stesso, ognuno può invocare o evocare fantomatici depositi, ma pochi sono sorretti dalla Benevola Attenzione dei Venerati Maestri Passati, e spinti dal dovere di divulgare e dal piacere di vivere fra fratelli, ritrovarsi senza paura, senza artifizi, senza altre necessità che la testimonianza del martinismo.

Carissimi Fratelli, nella giornata di ieri sono state gettate le fondamenta per la costituzione del Sovrano Ordine Gnostico Martinista, ad opera di 11 Superiori Incogniti Iniziatori, rappresentativi di ognuna delle famiglie del martinismo italiano, che si sono riconosciuti nella nostra Carta d'Intenti e della nostra Linea Tradizionale.

Un Ordine Sovrano in quanto non sottoposto all'autorità di nessuna sovrastruttura o corpo rituale, moda tanto in uso in certe stravaganti obbedienze ed ordini francesi.

Al contempo sovrano perché l'intera sua Grande Maestranza non è posta sotto tutela diretta o indiretta di qualche Obbedienza Massonica, o al servizio di altre strutture iniziatiche o presunte tali. Essa si sacrifica solamente per l'Ideale Martinista, e l'Amore dei Fratelli.

Un Ordine Gnostico, perché da tale Suprema Tradizione raccogliamo l'eredità ideale e la continuità spirituale di una metafisica ardita e coraggiosa che recide ogni legame con facili, e perniciose, illusioni di una salvezza universale e senza costo alcuno.

Un Ordine Martinista in quanto le nostre forme, il nostro ricco deposito iniziatico, sono riconducibili alla più pura tradizione martinista, e questo in accordo con il lascito dei Venerati Maestri Passati. Un Ordine, il nostro, che nasce sotto l'egida dell'Autentico sigillo di Uriel e Michael, la Luce di San Giovanni Evangelista e le segrete cifre della Santa Gnosi.

A differenza di altri il nostro non è un Ordine che trova fondamento di un solo iniziatore, al contempo non è frutto di qualche brevetto, più o meno prezzolato, giunto per posta o riesumato tramite artifici poco chiari. Noi non siamo la risultante della regalia in sovrappeso di qualche corpo rituale che confonde l'iniziazione con attestati variamente colorati e arabescati, o frutto di spaccature pilotate da istinti egoici. Il nostro è un Ordine che nasce per adesione, per la prima volta nella storia del martinismo, fraterna di un numero consistente di SII, di provato lignaggio, attorno ad un'IDEALE di Reintegrazione.

Personalmente vedo in questo accadimento la benevola attenzione di qualche Maestro Passato, che irradiando della vera luce che guida i fratelli nella notte, uniti nel canto del "ecce quam bonum". Permettetemi di sottolineare ancora l'unicità di questa nostra genesi, e come essa si contrappone ad ombrose e discutibili usanze che pare siano la prassi del mondo iniziatico odierno.

Proprio la nostra legittimità sostanziale e formale, ci permette di guardare con un certo stupore coloro che da un lato si lanciano in buffe affermazioni attorno a quanto si dovrebbe detenere, e dall'altro a non ostentare ai profani il nostro deposito. A buon titolo NOI siamo ciò che siamo, in quanto prima di essere RICONOSCIUTI noi siamo CONOSCIUTI, altri apparsi come lumache al primo sole, dopo giorni di pioggia, potranno solamente malignare e corrompersi dall'invidia e dall'odio.

Amatissimi fratelli il martinismo è questione assai semplice in apparenza, ma l’apparenza spesso inganna. I meccanismi, i pesi, le misure che lo animano necessitano di un lineare e inalterabile viatico, che si contrappone ai salti quantici cadenzati dagli appetiti o dall’insano equilibrio di alcuni.

Osservando la nostra traiettoria possiamo inizialmente riconoscere un soggetto che ha compiuto regolarmente ogni passo di crescita personale all’interno di un Ordine Reale e Tradizionale, con il quale ha ancora oggi rapporti di fraterna amicizia con i suoi Iniziatori e la Grande Maestranza. Egli ancora libero è divenuto prima Superiore Incognito Libero Iniziatore, successivamente reggente di un insieme di logge e gruppi da egli stesso fondati, ed infine Grande Maestro di un Ordine forte nello spirito, plurale nel suo deposito iniziatico, e territorialmente articolato. Il quale non è espressione di patenti consegnate per posta, non è Ordine di separazione, e non è neppure figlio di Iniziatori al bisogno elevati per collocare su di uno scranno colui o colei che ha elargito loro il quarto. No fratelli miei. Il Nostro Venerabile Ordine ha seguito ogni dettame che la tradizione iniziatica e martinsita impone, andando ben oltre quanto richiesto. I nostri Superiori Incogniti Iniziatori gemmano da piante diverse, riconoscendo e conferendo, con la loro adesione e firma, Assoluta regolarità della nostra struttura e di conseguenza di ogni suoi associato. Al contempo questa ricchezza che raccoglie, a livello sottile e formale, ogni famiglia del martinismo italiano dovrebbe suggerire che il nostro deposito, a disposizione del Grande Maestro, è costituito da ogni deposito filosofico ed operativo del martinismo italiano. Incidentalmente colgo l’occasione per annunciare l’integrale ricostituzione, del deposito lasciato dal fratello Nebo, grazie ai corpi rituali, ai quaderni, e alle purificazioni preparatorie, tradizionalmente conferiti in seno al Nostro Venerabile Ordine.

L'Opera del Crogiuolo Fondativo ci ha resi reale sintesi AVANZATA della Scuola Martinista Italica, permettendoci di dialogare con ogni altro Ordine: Non prevaricheremo, ma neppure mostreremo sudditanza. Al contempo non ci lasceremo impegnare nelle varie ambigue polemiche, nei veleni quarantennali, e nelle altrui lotte. La nostra Opera di Divulgazione è rivolta alla Gloria Eterna dell'Essere Immanifesto, alla preservazione e trasmissione dell'iniziazione martinista, e al benessere del Nostro Venerato Ordine e dei fratelli che in esso operano. Di altro non ci importa, di altro niente ci serve, di altro tutto guardiamo con il sorriso di chi è consapevole di Essere per Forza, Volontà e Tradizione.

Amatissimi Fratelli. Potremmo certamente bearci, ingrassando il nostro Ego, innanzi alla nostra forza iniziatica, a questa penetrazione divulgativa, e alla centralità mercuriale nel panorama martinista italiano. Purtroppo i facili allori, il meritato riposo, la serena inerzia, non contraddistinguono, e giammai contraddistingueranno, questa Nostra Maestranza. La quale nasce sotto l’egida del motto: Testimonianza Militante, Tradizione Vivente.

Tale voce ci impegna non solo ad Operare Laboriosamente nel nostro Tempio Interiore, ma a preservare dai simoniaci, dai corrotti, e dai mistificatori il deposito della tradizione marinista italiana, che è integralmente il nostro deposito filosofico ed operativo. Non è possibile accettare che la profanità, che la meschinità, avanzi ulteriormente nei nostri perimetri. Non permetteremo che improvvisati giovanotti di belle speranze (oramai deluse), che venditori di brevetti e patenti, che la transumanza iniziatica, che gli avanzanti elargiti più in un'ottica di RUBAMAZZETTO che in un quadro di reale elevazione dell'essere, e che attempati signori persi in vecchie dispute compromettano ulteriormente la catena martinista. Infatti è bene ricordare a tutti, che lo stato di confusione che sembra oggi regnare oltre il limitare dei nostri confini, non è certamente imputabile (anagraficamente e per linearità iniziatica) alla nostra struttura. Esso è principalmente riconducibile a coloro che per decenni hanno avuto la memoria e la possibilità di rettificare situazioni, sciogliere nodi, e purificare gli animi. Certo sarebbe per noi possibile stare al sicuro delle nostre logge e dei nostri perimetri, governati dal nostro Potente Eggregore, e sotto l’evidente assistenza dei Maestri Passati. Ma questo non è il destino del nostro Ordine e della Maestranza che lo regge, la quale si è assunta l’obbligo di contrastare la degenerescenza dell’ambiente, e di salvaguardare i depositi. Perché fratelli miei è tanto colpevole colui che commette il male, quanto colui che niente opera per impedirlo. Ricordiamo che a differenza di altri, privi di retaggio storico, di comprensione delle dinamiche rituali, e mossi solamente dalla necessità impellente di avere un ruolo, forse negato nel panorama associazionistico profano, Il N.V.O nasce, non in guisa a fratture o ad altri indicibili movimenti dell’ego, ma attorno ad un’IDEA SUPERIORE: traghettare il patrimonio tradizionale nel terzo millennio, e renderlo fruibile alle esigenze degli Uomini e delle Donne contemporanei. Tutto ciò non solo senza rinnegare la tradizione, i suoi tempi e le sue misure, ma centralizzandola nella sua reale Essenza nel nostro Percorso.

Ecco perché la nostra azione divulgativa, la nostra diffusione territoriale, dovranno subire una necessaria accelerazione. Proprio per donare a coloro, che animati da autentico desiderio, sono alla ricerca della Santa Gnosi e della Tradizione Martinista. In tale ottica di divulgazione e salvaguardia tradizionale, carissimi Fratelli annuncio che nei prossimi mesi sarà rivelata esteriormente la nostra Fraternitas Gnostica, che certamente non vuole essere la brutta e ridicola copia della Chiesa di Roma, ma bensì un luogo di approfondimento e di crescita attorno ai duri precetti dello gnosticismo storico. Al contempo, in forza dei nostri depositi iniziatici, stiamo lavorando alla costituzione di un corpo rituale suddiviso in tre camere ( Eremetica – Cabalistica – Gnostica) onde dare la possibilità a quei fratelli e sorelle che desiderano operare collegialmente di avere un sicuro e proficuo approdo. Ovviamente questi luoghi di opera ed erudizione saranno disgiunti, non amiamo la confusione, rispetto a quello Martinista, ma al contempo saranno in grado di offrire, assieme ad esso, una convergenza eggregorica ed energetica.

La nostra coesione rituale attorno alla Sacra Formula Pentagrammatica, la tradizione alchemica spirituale, la cabala rinascimentale, l’insieme operativo teurgico-sacerdotale squisitamente martinista, la Luce della Santa Gnosi che si infonde nel nostro cuore, il duro percorso di studio articolato nei tre gradi, e il lavoro di conoscenza dei meccanismi fisici e psicologici che viene suggerito ai membri del NVO, portano alla costituzione di un Nuovo Tipo di Iniziato, che è il Vero Iniziato. Un uomo, una donna, che sono al contempo membri di una reale fratellanza, e sacerdoti in divenire di se stessi. Iniziati capaci di comprendere le differenze, e questo non per costruire una scala di preferenze ed esclusione, ma bensì per apprezzare la verità unica e le necessarie peculiarità formali e sostanziali in cui essa si articola per il bene e la ricchezza degli uomini.

Fratelli, Sorelle, che il Coraggio di Agire, e la Volontà di Comprendere alberghino sempre nei vostri cuori e nella vostra mente. Un radioso futuro di conquiste spirituali attende agli ardimentosi argonauti dello Spirito! Operate e Divulgate, in quanto più darete e più sarete ricompensati dalle energie sottili che tutto governano e che in tutto son infuse."

Carissimo Viandante quanto hai appena letto, e ti ringrazio per la tua amorevole pazienza, è la storia reale e concreta del Sovrano Ordine Gnostico Martinista, una realtà iniziatica che non si nasconde dietro a fumose cortine, che non muta la propria narrazione storica in base alle contingenze del momento, che non affonda la propria ragion d'essere in qualche tumefatto ego, bensì esiste per trasmettere, difendere e divulgare in accordo con la Tradizione Martinista. Per noi il martinismo è una forma iniziatica e tradizionale occidentale, e raccoglie nei suoi depositi la più pura essenza dell'iniziazione cristiana. Conferendo a quei fratelli e sorelle, e agli Ordini, che in tale verità si riconoscono la forma e la sostanza di monaci combattenti: autentici baluardi della Tradizione Spirituale Cristiana.

Ecco perchè non è nostra volontà confonderci in vetuste questioni protocollari. Da un lato perchè noi stessi abbiamo stabilito un nuovo, e più alto, canone di regolarità, e dall'altro perchè i nostri ideali intendimenti ci consacrano a qualcosa di maggiormente Nobile.